Allarme della NASA : Il nostro pianeta ha accumulato il doppio del calore negli ultimi 15 anni


July 13, 2021

La Terra starebbe trattenendo il doppio del calore rispetto a quindici anni fa: un fenomeno che è alla base dell'aumento delle temperature degli oceani, con effetti catastrofici sulla natura. È questa la conclusione a cui è giunto uno studio della NASA pubblicato sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters.

La situazione è allarmante, secondo gli esperti: lo squilibrio si riferisce alla differenza fra l'energia del Sole che viene assorbita dall'atmosfera terrestre e quella che viene effettivamente rilasciata tramite radiazioni termiche infrarosse; dati che gli studiosi hanno ricavato da osservazioni satellitari indipendenti e in situ.

La tendenza è dovuta a un aumento della radiazione solare assorbita associata a una ridotta riflessione da parte di nuvole e ghiaccio marino e a una diminuzione della radiazione a onde lunghe in uscita a causa dell'aumento dei gas e del vapore acqueo; cambiamenti combinati che inducono un accumulo maggiore di calore e un aumento delle temperature medie globali.

scioglimento ghiacciai

Da qui la reazione a catena che abbiamo imparato a conoscere: il calore provoca altri cambiamenti, come lo scioglimento dei ghiacciai, l'aumento del vapore acqueo e l'innalzamento del livello dei mari, con un ulteriore innalzamento delle temperature. D'altronde, già l'anno scorso le previsioni relative al riscaldamento globale erano peggiorate.

Il calore intrappolato nell'atmosfera dunque è raddoppiato nel periodo che va dal 2005 al 2019, e quello appena trascorso sarebbe il sesto mese di maggio più caldo della storia, con una media di 0,81 gradi superiore rispetto alla media del ventesimo secolo. È probabile il tutto sia dovuto a una combinazione di cause antropiche e di cambiamenti naturali, ed essendo un evento senza precedenti documentati non è possibile ancora predire cosa accadrà nei prossimi decenni.

                                                     trasporti

hdblo

Commenti(0)

Log in to comment