La grande ripartenza del Turismo è quasi tutta italiana


June 30, 2021

La grande ripartenza del turismo post-Covid è quasi tutta italiana, ma si rivedono anche gli stranieri: ecco la situazione in quattro città da Nord a Sud.

I dati Istat parlano chiaro: gli italiani passeranno l’estate del 2021 in vacanza in Italia e in una località diversa da quella di residenza. Il 99,3% rimarrà nel Belpaese e il 54,5% ha già programmato le ferie tra luglio e settembre. Il turismo riparte e sarà una boccata d’ossigeno per le città storiche e d’arte, dopo quattordici mesi di pandemia e un numero di visitatori ridotto all’osso.
È arrivato il momento di prenotare le vostre vacanze in Italia e naturalmente non vediamo l’ora di riaccogliervi di nuovo”, ha detto il premier Mario Draghi ai ministri del G20. Un’esortazione che pare funzionare, almeno stando ai numeri delle quattro città più visitate da Nord a Sud.

59E64A07-AB9C-47ED-AA7B-9B52A0712A7D.jpeg (338 KB)

Venezia

La Serenissima richiama turisti grazie alla Biennale di Architettura, il Salone nautico e la riapertura dei musei, compreso Palazzo Ducale. Sono soprattutto visitatori giornalieri, che giungono in treno o in auto dalle città vicine. L’occupazione degli alberghi si attesta intorno al 70-75% ma è destinata ad aumentare, complici gli arrivi di stranieri da Germania, Austria, Svizzera e Francia.

Nonostante il G20 dell’economia, previsto dall’8 all’11 luglio, non ci sarà zona rossa: la città resta aperta a tutti. Più che lusinghieri pure i numeri delle cittadine sul litorale, specie le località balneari di Bibione, Caorle, Jesolo, Cavallino e Sottomarina.

F6843435-F800-40E4-919E-369F370FABF8.jpeg (141 KB)

Firenze

La Bella ha riaperto le Gallerie degli Uffizi e per la prima volta da un anno si notano file davanti al Museo dell’Opera e a Palazzo Vecchio. Affollate come sempre piazza Duomo, il Ponte Vecchio e il Giardino di Boboli. I turisti sono principalmente italiani: l’occupazione degli alberghi è al 65%.

EAA765C1-5660-4E3A-A09A-6540741F720D.jpeg (83 KB)

Bari

Il capoluogo della Puglia è il capofila del turismo regionale, che predilige le destinazioni di mare. Un monitoraggio di Asshotel Confesercenti riporta che su un campione di 80 alberghi e 150 tra B&B, case vacanza e campeggi, a luglio si raggiungerà il 70% dell’occupazione e il tutto esaurito ad agosto, specie nel Gargano e in Salento.

Un’altra indagine di Demoskopika rivela che ad oggi si contano 1,9 milioni di arrivi e 10,6 milioni di presenze. I primi turisti in Puglia sono i pugliesi, ma non mancano visitatori da Inghilterra e Stati Uniti, allettati dalla sfida del “turismo lento” della Regione.

8256D950-EFA5-4D57-B9BC-FB91A85B48D3.jpeg (154 KB)

Palermo

Tra giugno e settembre attraccheranno 300 navi da crociera nei porti della Sicilia e sono attesi quasi 6 milioni di passeggeri negli aeroporti di Palermo e Catania. L’occupazione degli hotel è intorno all’80%: gli alberghi sono popolati in maggioranza da italiani del Nord. Ad agosto arriveranno statunitensi, francesi, tedeschi, britannici e olandesi.

Oltre a Palermo, sono Cefalù, Noto, Ortigia e altri angoli nascosti della Sicilia le mete più gettonate. D’altronde l’ha detto la Presidente di Federturismo, Marina Lalli, promuovendo il turismo di prossimità all’AC event: “In Italia abbiamo tante destinazioni diverse e autentiche, da percorsi storici a naturali, tutte da visitare”.

                                                https://www.fdaexpress.uk

Commenti(0)

Log in to comment