Life 120, anche YouTube e Facebook nel mirino per i video di Panzironi sul coronavirus


marzo 22, 2020

L'Agcom interpella i due giganti del web per gli spezzoni in cui il guru della dieta Life 120 divulga le sue tesi su come prevenire Covid-19

Anche YouTube e Facebook finiscono sotto la lente dell’Autorità garante delle comunicazioni (Agcom) a causa dei video sul coronavirus di Adriano Panzironi, l’inventore della contestata dieta Life 120. Nelle scorse ore, come ha potuto apprendere Wired, è partita una lettera destinata ai due colossi del web. Oggetto: la presenza sulle loro piattaforme di estratti de Il cerca salute, il format televisivo di Panzironi, in cui il giornalista dà consigli su come prevenire il contagio da Cov-Sars-2, ovviamente legati a doppio filo al regime alimentare di sua ideazione. Quindi lotta ai carboidrati e assunzione di integratori di vitamina C e D. Quest’ultimi venduti con il marchio dell’azienda di Panzironi, la Life 120, e sponsorizzati negli intervalli pubblicitari del suo programma.

Per l’Agcom, in un momento di emergenza come quello che sta attraversando l’Italia, la comunicazione deve essere affidata alla “testimonianza di autorevoli esperti del mondo della scienza e della medicina”. Motivo per cui non c’è spazio per Panzironi e le sue tesi, sintetizzate in uno speciale de Il cerca salute dal titolo Quello che non ti hanno detto del coronavirus. Né in televisione, né sui social network. Quei contenuti, scrive l’autorità, sono “suscettibili di porre in pericolo la salute degli utenti in quanto induttivi di una sottovalutazione dei rischi potenziali del virus”. La dieta Life 120, peraltro, non ha mai ricevuto avallo scientifico.

Life 120 sui social network

Su Facebook e YouTube l’Agcom ha stanato i video incriminati su più pagine. Sia sui profili ufficiali di Panzironi e della Life 120, sia una galassia di gruppi che orbita intorno al giornalista, ora aprocesso per esercizio abusivo della professione medica. Su Facebook Wired ne ha individuata almeno una trentina: oltre a quello ufficiale, che conta 60mila iscritti e, stanto alle statistiche del social network, circa 70 nuovi post ogni giorno, ci sono quello delle ricette e i gruppi cittadini. Alcuni di questi sono nati come gruppi di altra natura e nel tempo sono stati convertiti a piazze virtuali per i seguaci della Life 20.

Su YouTube, invece, la pagina ufficiale, con la foto di Adriano e del gemello Roberto, considerato la mente di affari da chi ha avuto a che fare con le società della famiglia Panzironi, è seguita da oltre 92mila persone. Per l’Agcom i video in cui il guru lascia intendere che il virus “possa essere prevenuto o persino trattato con misure non terapeutiche ma alimentari o di mera integrazione”, tali da far abbassare il livello di guardia verso l’epidemia, non possono rimanere al loro posto. Specie perché, rilevano il Garante, si intessono con gli interessi commerciali di Panzironi, che suggerisce di assumere vitamina C e D e poi passa la pubblicità degli integratori Life 120.

Pericolo infodemia

Il rischio di fare proprie informazioni false in questa fase di emergenza è tutt’altro che teoria. Lo ha dimostrato una ricerca della Fondazione Bruno Kessler: quando il coronavirus inizia a diffondersi in un paese, sui social network si assiste a un’impennata di fake news, spesso propagate da bot e troll. Per questo, è il richiamo dell’autorità, anche sui social network devono circolare “informazioni medico- sanitarie corrette e scientificamente fondate”.

Al momento la mossa dell’Agcom è interlocutoria. Google (che controlla Youtube) e Facebook dovranno far sapere cosa intendono fare con questi contenuti, per impedire che le teorie di Panzironi si diffondano. D’altro canto, proprio Big G e Menlo Park nelle scorse settimane hanno alzato la sorveglianza su post, filmati e contenuti che diffondono fake news o falsi miti sul coronavirus. Wired ha contattato sia Google sia Facebook per conoscere le contromisure che intendono adottare e perché non hanno già censurato i video incriminati, come già hanno fatto con altri post, ma al momento della pubblicazione di questo articolo non ha ricevuto risposta.

Il pugno duro

Nel mirino dell’Agcom sono già finite due emittenti tv: il canale 61 del digitale terrestre e il numero 880 del satellitare, legati a società riconducibili a Panzironi stesso. Nei confronti delle due televisioni il commissario Antonio Nicita ha avviato un processo sanzionatorio. Una lettera è arrivata anche ai vertici de La7, a causa della presenza del guru in due puntate del talk show Non è l’arena, di Massimo Giletti, durante le quali, pur nel mezzo di un contraddittorio con ospiti autorevoli, l’inventore della Life 120 ha potuto diffondere le sue tesi.

E in passato una sanzione da 264mila ha colpito la Gm comunicazione, la società che allora aveva in mano la programmazione di Life 120 Channel e che fa capo alla famiglia Sciscione, considerata la dinastia delle frequenze tv nel Lazio. Considerato lo stato di emergenza in cui si trova l’Italia, l’Agcom marca stretto Panzironi. La palla, ora, passa a Facebook e Youtube.

Fonte:wired

                                   3B2D9A06-5D81-40C3-8374-00F796A86140.jpeg (420 KB)

Commenti(0)

Log in to comment