Attualità

Cybersecurity: Tutte le Novità della Legge Approvata dal Senato

todayGiugno 20, 2024

Sfondo
share close

Cybersecurity: Tutte le Novità della Legge Approvata dal Senato

Nuove misure per la PA e modifiche al codice penale: ecco cosa prevede il disegno di legge sulla cybersecurity appena approvato

Il Senato ha approvato in via definitiva il disegno di legge sulla cybersecurity, un provvedimento che introduce significative novità per le Pubbliche Amministrazioni, l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale e il sistema giuridico italiano. Il testo, composto da 24 articoli, mira a potenziare la capacità di prevenire e contrastare gli attacchi informatici, nonché a rafforzare le pene per i reati commessi attraverso la rete.

Aumenti di pena per i reati informatici Il disegno di legge introduce aumenti di pena per reati come l’accesso abusivo a sistemi informatici e il danneggiamento di dati e programmi. Se commessi da un pubblico ufficiale, la reclusione va da due a dieci anni. Inoltre, viene introdotta una nuova disciplina per l’estorsione attraverso reati informatici, con pene che variano dai sei ai ventidue anni di reclusione a seconda delle circostanze aggravanti.

Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica La composizione del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (CISR) si amplia, includendo i ministri delle Imprese e del Made in Italy, dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, dell’Agricoltura, delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’Università e della Ricerca. Il CISR ha funzioni di consulenza e deliberazione sulle politiche di sicurezza nazionale.

Stretta sull’accesso alle banche dati Per garantire una maggiore sicurezza delle banche dati pubbliche, l’accesso sarà consentito solo attraverso sistemi di autenticazione basati su almeno due tecnologie differenti, di cui una biometrica. Questa misura è rivolta a prevenire accessi non autorizzati e garantire la sicurezza dei dati sensibili.

Limiti per incarichi esteri Chi ha ricoperto incarichi di vertice nei servizi di sicurezza nazionale non potrà, nei tre anni successivi alla cessazione dell’incarico, svolgere attività lavorative o consulenziali presso soggetti esteri senza l’autorizzazione del presidente del Consiglio o dell’Autorità Delegata.

Ruolo dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale L’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (Acn) avrà il compito di raccogliere, elaborare e classificare i dati relativi agli attacchi informatici, fornendo annualmente un resoconto ufficiale. Inoltre, sarà istituito un Centro nazionale di crittografia presso l’Acn, per valorizzare l’uso della crittografia come strumento di difesa cibernetica.

Intercettazioni e protezione dei testimoni di giustizia La disciplina delle intercettazioni viene estesa ai reati informatici coordinati dal procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo. Vengono inoltre rafforzate le misure di protezione per i testimoni di giustizia, prevedendo il parere obbligatorio del procuratore nazionale Antimafia e Antiterrorismo per l’ammissione alle speciali misure di protezione.

Queste nuove disposizioni mirano a rafforzare la sicurezza nazionale contro le minacce informatiche, migliorare la protezione dei dati e garantire pene più severe per i crimini digitali, segnando un passo importante nella lotta contro la criminalità informatica in Italia.

Scritto da: ester.cavallo


0%
X