News oggi

L’UE firma un accordo da 1 miliardo di euro con la Tunisia per contribuire ad arginare la migrazione irregolare

todayLuglio 17, 2023

Sfondo
share close

L’UE firma un accordo da 1 miliardo di euro con la Tunisia per contribuire ad arginare la migrazione irregolare

L’UE firma un accordo da 1 miliardo di euro con la Tunisia per contribuire ad arginare la migrazione irregolare .Ursula von der Leyen saluta l’accordo come un investimento in prosperità e stabilità condivise.

L’UE ha firmato un accordo da 1 miliardo di euro (860 milioni di sterline) con la Tunisia per aiutare ad arginare la migrazione irregolare, poiché il presidente del paese nordafricano ha denunciato coloro che offrono ai migranti “simpatia senza rispetto” per il loro obiettivo di avere equità nella vita.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha salutato l’accordo con la Tunisia, comprese misure significative per arginare la mortale migrazione irregolare attraverso il Mediterraneo, come un investimento per la prosperità e la stabilità condivise.

booking flight and hotel
bigtrip

La partnership con la Tunisia sulla migrazione arriva pochi giorni dopo che il presidente del paese, Kais Saied, ha rivelato la portata “scioccante” del traffico di persone nel suo paese, con funzionari che hanno rivelato che valeva circa 760 milioni di sterline nella prima metà del 2023 in rimesse da sub -Africa sahariana .

Svelando l’accordo in Tunisia domenica sera, affiancato da Von der Leyen e dai primi ministri di Italia e Olanda, Saied ha denunciato le organizzazioni umanitarie che diffondono fatti falsi sulla Tunisia invece di concentrare i loro sforzi sulle bande criminali dietro l’affare mortale.

Ha detto che le persone di tutto il mondo condividono il bisogno di convivenza ed effettiva equità nel loro futuro insieme al rispetto piuttosto che alla simpatia.

Migliaia di persone prive di documenti si sono dirette verso la città costiera di Sfax negli ultimi mesi con l’obiettivo di partire per l’ Europa su imbarcazioni gestite da trafficanti di esseri umani, provocando una crisi migratoria senza precedenti per la Tunisia.

Le guardie di frontiera libiche hanno salvato dozzine di persone che dicono essere state lasciate nel deserto dalle autorità tunisine senza acqua, cibo o riparo, ha riferito domenica Agence France-Presse.

Centinaia di persone provenienti dai paesi dell’Africa sub-sahariana sono state portate con la forza nel deserto e nelle aree ostili al confine con la Libia e l’Algeria dopo i disordini razziali all’inizio di luglio a Sfax, la seconda città più grande della Tunisia.

I migranti erano visibilmente esausti e disidratati, seduti o sdraiati sulla sabbia e usando arbusti per cercare di proteggersi dal caldo torrido estivo che superava i 40°C (104°F).

Il gruppo di almeno 80 persone è stato trovato in una zona disabitata vicino ad Assah, una città vicino al confine tra Tunisia e Libia, a circa 150 km a ovest di Tripoli.

Mark Rutte, il primo ministro olandese uscente, ha affermato che l’accordo mirerebbe a impedire alle persone di intraprendere il viaggio pericoloso e spesso mortale attraverso i mari verso l’Italia e interromperebbe il modello di business dei contrabbandieri.

I tre leader dell’UE sono volati in Tunisia domenica per firmare un memorandum d’intesa su un pacchetto da 1 miliardo di euro concordato a giugno tra le continue polemiche sulla situazione dei diritti umani nel paese nordafricano.

Scritto da: ester.cavallo


0%
X