Attualità

Un sistema vitale di correnti oceaniche potrebbe collassare già dal 2025

todayLuglio 27, 2023

Sfondo
share close

Un sistema vitale di correnti oceaniche potrebbe collassare già dal 2025

Un sistema vitale di correnti oceaniche potrebbe collassare già dal 2025 . Un sistema critico di correnti oceaniche potrebbe collassare molto prima del previsto a causa dell’aggravarsi dell’emergenza climatica, secondo i risultati di un nuovo studio , provocando potenzialmente il caos in tutto il mondo.

L’analisi peer-reviewed pubblicata martedì su Nature Communications ha stimato che l’Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC), di cui fa parte la Corrente del Golfo, potrebbe crollare intorno alla metà del secolo, o addirittura già nel 2025.

Gli scienziati del clima che non sono stati coinvolti nello studio hanno riconosciuto che la corrente è diventata meno stabile, ma hanno sollecitato una certa cautela nell’analizzare i risultati della ricerca.

L’AMOC agisce come un nastro trasportatore di correnti che trasportano acque calde da nord a sud e viceversa in un ciclo lungo e relativamente lento all’interno dell’Oceano Atlantico. La circolazione trasporta anche i nutrienti necessari per sostenere la vita oceanica.

Questa animazione mostra la Corrente del Golfo che invia acqua calda verso l'Oceano Atlantico settentrionale, costringendo l'acqua più fredda ad affondare e viaggiare verso sud. Credito: NASA/Goddard Space Flight Center Scientific Visualization Studio
Questa animazione mostra la Corrente del Golfo che invia acqua calda verso l’Oceano Atlantico settentrionale, costringendo l’acqua più fredda ad affondare e viaggiare verso sud. Credito: NASA/Goddard Space Flight Center Scientific Visualization Stud

Una sezione più nota di questa circolazione è la Corrente del Golfo, una corrente spinta dal vento che mantiene calde gran parte dell’Europa e la costa orientale della Florida, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration .

Per prima cosa, il NOAA afferma che l’Inghilterra avrebbe un “clima molto più freddo” se non fosse per le calde acque della Corrente del Golfo.

Il previsto collasso dell’AMOC è visto come una “grande preoccupazione” perché è riconosciuto come uno degli elementi di ribaltamento più importanti nel sistema climatico terrestre.

Lo studio dei ricercatori dell’Università di Copenaghen ha sfruttato i dati sulla temperatura della superficie del mare dal 1870 come proxy per i cambiamenti nelle correnti della Corrente del Golfo nel corso degli anni, prima di estrapolare i dati per stimare quando potrebbe verificarsi un punto di non ritorno.

Gli scienziati hanno già lanciato l’allarme su studi che mostrano un rapido rallentamento dell’AMOC. 

Detto questo, il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici valuta che la Corrente del Golfo non crollerà probabilmente in questo secolo, prevedendo che la corrente “si indebolisca ma non si fermi”.

“Un collasso dell’AMOC sarebbe disastroso”

“Questo studio evidenzia che la circolazione del Nord Atlantico sta mostrando segni di instabilità, il che potrebbe indicare che potrebbe verificarsi un crollo del ribaltamento, con importanti implicazioni climatiche”, ha affermato Andrew Watson, professore all’Università di Exeter.

“L’instabilità potrebbe anche essere meno drammatica, non un arresto su vasta scala ma un cambiamento nei siti di formazione di acque profonde”, ha aggiunto.

Un altro professore è del parere che la Corrente del Golfo stia perdendo stabilità, ma non è d’accordo con il risultato dello studio, affermando che le incertezze sono “troppo alte” per prevedere in modo affidabile un momento di ribaltamento.

“Le incertezze nelle ipotesi del modello fortemente semplificate dagli autori sono troppo elevate”, ha affermato Niklas Boers, professore di modellazione del sistema terrestre presso l’Università tecnica di Monaco.

In ogni caso, una valutazione attenta della corrente rimane una priorità.

“Un crollo dell’AMOC sarebbe disastroso”, ha affermato Jonathan Bamber, direttore del Bristol Glaciology Center presso l’Università di Bristol.

“Questo studio evidenzia quanto sia importante continuare a monitorare la variabilità dell’AMOC e migliorare la nostra comprensione della sua stabilità nelle condizioni climatiche attuali e future”.

Scritto da: ester.cavallo


0%
X